Greta

Tanto per aggiungere qualcosa di nuovo al blog, ripristinando il suo ruolo di “ricettacolo di opinioni sporadiche, pubblicate alla rinfusa”, riporto un’opinione già postata su Twitter, con qualche commento in più. Tutto è nato da una lettera al direttore, pubblicata dal Corriere.

La risposta di Cazzullo ai lettori sintetizza perfettamente il mio pensiero sull’argomento “Greta”. Chiaro, nemmeno a me Greta sta simpatica, ma non mi sta neppure sulle scatole. Sposo la tesi che “ci sia qualcosa sotto”, secondo me è perfettamente normale che sia stata “gonfiata ad arte” dai media. Ma non mi pare strano: tutte le proteste iniziano perché qualcuno studia a tavolino come diffondere il messaggio. Lo hanno sempre fatto anche le persone con l’opinione opposta a pareri scientifici/storici provati, nasti pensare a no-vax, negazionisti di allunaggio/11 settembre/Olocausto, terrapiattisti, eccetera. La cosa da tenere in mente è che il modo in cui viene presentato il messaggio non deve necessariamente influire sulla veridicitià dello stesso. Le cose che la Svedese dice, sono documentate e hanno il supporto della comunità scientifica. Semplicemente la ignoro, non la uso come pretesto per negare/sottovalutare il riscaldamento globale, a differenza di molti altri. Generalizzando, credo che sia insito nella natura umana, quando arriva una persona più giovane a dirti “questa cosa che fai da anni, la stai facendo male”, risponderle “fatti i cazzi tuoi”. In particolare nei casi in cui, in cuor tuo, sai che ha ragione. Forse è per quello che brucia così tanto.

Concludo con una risposta, che magari vi sembrerà naïve, ad un argomento che leggo spesso, “non dice nulla di Cina e India che continuano ad inquinare sempre di più, che pensi a loro prima di far la predica a noi”. Le pressioni vengono fatte sull’Occidente perché, a differenza di altri, siamo una società [relativamente] civile che ascolta quasi tutti (almeno prima di mandarli a quel paese). Mi permetto un paragone: se vi trovate davanti ad una casa in fiamme (anche per colpa vostra), e vedete due persone che continuano a versare taniche di benzina sul fuoco, che fate? Chiamate i pompieri, provate a spegnere le fiamme, magari andate da quei due a intimarli (più o meno gentilmente) di smettere, o restate immobili e non fate nulla “finché non la smettono prima loro”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *